P.A.U.L.A. I

paulaI2

Un team di ricercatori delle Università della Calabria (Dipartimento di Meccanica) e della Federico II°di Napoli (Dipartimento di ing. Meccanica per l’Energetica) con il contributo progettuale di Aeroconsult srl, ha studiato per circa tre anni un nuovo tipo di aerogeneratore con eliche controrotanti ad alta velocità, di dimensioni relativamente piccole ma di elevatissima potenza, da collocare all’interno di una specie di dirigibile ancorato a terra (figg. 14-15) o, meglio, off shore (fig. 16) e posto a una quota di circa 1000 metri.

E’ stato primariamente verificato con l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) quali potessero essere i problemi di navigazione aerea per aerostati o dirigibili ancorati a tali quote ed è stata trovata una soluzione così come riportata al capitolo 8.

-> VISUALIZZA IL PROGETTO icona_pdf

COPERTURA STADIO

copertura2

La copertura dei campi da calcio è un problema pressochè irrisolto per le seguenti note ragioni:

Una copertura fissa va ovviamente calcolata per il carico neve che, per superfici superiori ai 10.000 m2, comporta problemi strutturali quasi irrisolvibili o, comunque, estremamente costosi. Altrettanto dicasi per il carico aerodinamico causato dal vento
Una copertura fissa impedisce la crescita del tappeto erboso e comporta quindi la necessità di ricorrere a soluzioni alternative che però hanno un pessimo indice di gradimento da parte dell’utenza
Una copertura mobile con sistemi tradizionali comporta complicazioni costruttive e costi enormi sia per la costruzione che, soprattutto, per la manutenzione di un complesso meccanico gigantesco e strutturalmente delicato.

-> VISUALIZZA IL PROGETTO icona_pdf

 

INFINITY ELECTROBYKE

biciTrattasi di una bici che esteticamente si presenta come una normale bicicletta poichè è possibile accumulare fino a 360 wh di energia elettrica senza ingombranti ed antiestetiche batterie esterne ma semplicemente infilando tali batterie nelle canne del telaio.
Per nascondere alla vista il motore di trazione si è scelta la soluzione di occultarlo all’interno della borraccia dell’acqua.
Ai nodi del telaio ove confluiscono le canne sono previsti blocchetti in lega leggera opportunamente forati in modo da rendere possibile l’inserimento delle batterie e ai quali verranno saldate le canne stesse.
All’interno del mozzo dei pedali è progettata una gear box raffigurata in figura seguente che permette le seguenti possibilità di impiego:

-  pedalare assieme al motore elettrico
–  far girare la ruota motrice con il solo motore elettrico tenendo i pedali fermi ((questa

eventualità è proibita dal codice ma si vedrà in seguito come il problema può essere risolto)
–  pedalare con il motore elettrico inattivo
La gear box in oggetto non consente la ricarica delle batterie nelle lunghe discese ma, come appresso meglio specificato, tale opportunità non dà un contributo significativo al complessivo bici + gilet fotovoltaico.

-> VISUALIZZA IL PROGETTO  icona_pdf